Granfondo del Bramaterra – Edizione 2017

Breve descrizione itinerario

Vista sul Lago di RavasanellaIl Giro ripercorre la terza edizione della Granfondo e si svolge nel territorio collinare dei Comuni del “Bramaterra”, rinomato vino associato al comprensorio delle Rive Rosse tra la provincia di Biella e quella di Vercelli: Masserano, Brusnengo, Curino, Villa del Bosco, Soprana, Sostegno e Roasio con partenza dal laghetto della Pro Loco di Curino (laghetto Gabella). Seguendo la provinciale che ben presto diviene in salita si transita dapprima presso la frazione di Curino San Bononio e poi fino alla località Colma di Soprana di Baltigati, lasciandosi alle spalle la deviazione (a sinistra) per il sentiero M41 che si intercetterà nella parte finale dell’itinerario; dopo aver scollinato, con leggera discesa si giunge al Rifugio Sella ove si devia a destra per entrare nei boschi e percorre una salita sterrata fino ai margini della sommità del Monte della Guardia nei pressi di un interessante punto panoramico; una rapida ed a tratti accidentata discesa porta ad attraversare la provinciale “Coggiolasca” per riprendere immediatamente una ripida e mal messa traccia di sterrato dalle iniziali pendenze proibitive per lo stato del fondo e che molto faticosamente conduce alla Colma. Il fondo migliora allorchè si incontra l’M44 ottimamente tenuto che, avendolo seguito a sinistra, prosegue in saliscendi ed entra nel bel territorio di Sostegno con ottimi panorami valorizzati da un bellissimo anfiteatro naturale di verdi colline e rossi calanchi. Una veloce discesa porta ad incontrare l’asfalto che risale con pendenze non banali verso la frazione Colmo di Curino dove dove si ritrova un altro bel single track di discesa, piuttosto fluido e divertente che termina alla frazione di Santa Maria; breve risalita su asfalto e poi di nuovo discesa in fuoristrada facendo attenzione a deviare poco prima della fine a sinistra in leggera salita su sentiero per percorrere una panoramica traccia che corre in posizione sovraelevata a fianco del lago della Ravasanella (sentiero “La Mazza”) e che superata un’area picnic conduce ai margini della Diga di Asei. Percorrendo ora il ritrovato asfalto con veloce discesa e successiva deviazione a destra su sterrato, si giunge nel territorio del comune di Villa del Bosco per salire attraverso i vigneti nel comune di Roasio fino ai margini del punto panoramico di Cima Terla (consigliata breve deviazione per ampia vista panoramica): siamo nel pieno del territorio delle Rive Rosse ed il fondo da percorrere mette a dura prova le residue energie fisiche. Fortunatamente attende una veloce discesa su sentiero che porta ad intercettare l’asfalto risalente alla frazione di San Nicolao e, sempre in salita fino alla frazione di Vergnago. Ennesima discesa nel bosco in single track, tecnica “il giusto”, che riporta nel Comune di Curino dove si incrocia la traccia percorsa all’andata e si prosegue ora diritto in salita dapprima su asfalto per località Perrotti e successivamente su ripida forestale al termine della quale, nei pressi di una cappelletta, si seguono le indicazioni del M41 per Livera/Bioletto e da qui, con bella vista panoramica sulla Diga del Lago delle Piane, si scende sempre attraverso l’M41 fino al Parco Arcobaleno. Il finale è un tratto in leggera salita su asfalto e (per concludere in fuoristrada!) una sterrata che aggira il laghetto Gabella
nazione: Italia
zona: Comuni del Bramaterra
provincia: Bi/Vc
da: Curino
a: Curino
vista: zona delle Rive Rosse, colline dei vigneti del Bramaterra, rilievi della Valsessera e della valle Strona

ALTIMETRIA QUOTE E DISTANZA

dislivello totale salita: mt 1.525
quota massima: mt 730
quota minima: mt 285
km totali: 40,3

SENSO DI MARCIA

girare in senso orario (ultima parte dopo incrocio traccia è antiorario)

TEMPO DI PEDALATA

di puro movimento 4 ore e 30 minuti

SINTESI VALUTAZIONI

panorami: 7/10
difficoltà salita: 8/10
difficoltà discesa: 6/10
impegno fisico: 8/10

NOTE GENERALI (ES. NON PEDALABILITA’, DIFFICOLTA’ PARTICOLARI, NOTE VARIE, ECC.)

pendenze: massima salita 18,2%, massima discesa 28,3%
tratto a mano: complessivamente sull’intero percorso all’incirca 5 minuti per alcuni passaggi “monta e smonta” non praticabili per fondo o eccessiva pendenza
salita: la parte in fuoristrada in genere risulta impegnativa per le pendenze affrontate e per il fondo che non sempre permette l’adeguato grip nei momenti più critici
discesa: nulla di particolarmente significativo da segnalare; molto bella e caratteristica la discesa in su sentiero lungo l’M41 verso il Lago delle Piane
% sterrato: 57%
ricordarsi: //
note: //


Downloads ad oggi traccia: 7

Granfondo del Bramaterra - PendenzeGranfondo del Bramaterra Altimetrie
Highlights del percorso gentilmente messi a disposizione dal Canale telematico di “Gianni – Black Devil Iorio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *