Traversata bassa della Grigna meridionale

Breve descrizione itinerario

Giro che si sviluppa ai piedi della Grigna meridionale all’interno del Parco delle Grigne in Valsassina.
** ATTENZIONE – settembre 2015: seguito aggiornamenti ricevuti da coloro che hanno percorso l’itinerario, occorre segnalare l’impraticabilità di un sentiero causa erosione che comporta un bel pezzo di bici a mano. Si invita a leggere i commenti di luglio/settembre 2015. Attendiamo segnalazioni, speriamo a breve, di un ripristino effettuato. **
Da Ballabio si sale su regolare strada asfaltata, in parte all’interno del bosco, sino ai Piani dei resinelli, interessante punto panoramico verso le vette della Valsassina, da cui si prosegue con ripida salita in direzione del Rifugio Soldanella. Si abbandona la strada asfaltata per una bella sterrata panoramica lungo il Pian della Fontana che attraverso vari saliscendi conduce Alpe Muscera; inizia a questo punto il classico sentiero della “traversata bassa delle Grigne”  che seguendo un percorso con varie alternanze all’interno di boschi e prati conduce ad un attraversamento di un ghiaione, solo in parte pedalabile. Seguiranno in seguito vari passaggi su single tracks e strade forestali (incluso un passaggio in decisa salita) in direzione Pasturo (ci si porta sulla strada che da Pasturo sale all’Alpe Cova), da cui – con leggera deviazione iniziale su strada secondaria – si imboccherà la provinciale della Valsassina che ricondurrà dapprima a Balisio ed infine a Ballabio, luogo di partenza
nazione: Italia
zona: Grigne
provincia: Lc
da: Ballabio
a: Ballabio
vista che offre importanti e panoramici scorci del gruppo delle Grigne e dei principali rilievi della Valsassina

ALTIMETRIA QUOTE E DISTANZA

dislivello totale salita: mt 945
quota massima:  mt 1377
quota minima: (partenza/arrivo) mt 620
km totali: 28,35

SENSO DI MARCIA

girare in senso orario

TEMPO DI PEDALATA

di puro movimento: 2 ore e 30 minuti

SINTESI VALUTAZIONI

panorami: 9/10
difficoltà salita : 5/10
difficoltà discesa : 6/10 (vedi però commento “Fededsm” del 23.04.14)
impegno fisico: 7/10

NOTE GENERALI (ES. NON PEDALABILITA’, DIFFICOLTA’ PARTICOLARI, NOTE VARIE, ECC.)

pendenze: max salita pedalabile 17,5%, max discesa 21%
tratto a mano: 5 minuti complessivi per attraversamento ostacoli nel sentiero che segue l’Alpe Muscera e nell’attraversamento del ghiaione ai piedi della Grignetta (Grigna meridionale)
salita: non si segnalano particolari difficoltà nell’approccio alla salita principale dell’itinerario, ovvero verso i Piani dei Resinelli, con pendenze tra il 6 ed il 10%; segue immediatamente un breve strappo in direzione Rifugio Soldanella con pendenza massima del 14,5%. Lungo le pendici della Grigna meridionale, nella seconda parte dell’itinerario, è presente un tratto in ascesa su strada forestale  con punta massima del 17,5% seguito da successivo strappo al 10%
discesa: prevalentemente su single tracks e strade forestali, con assenza di passaggi pericolosi e dalle pendenze non particolarmente accentuate
% sterrato: 33%
ricordarsi: //
note: per la discesa finale a Pasturo è possibile seguire una traccia di variante proseguendo nel bosco anzichè prendere la strada asfaltata come nella traccia principale: c’è un breve punto a gradoni da fare a piedi ma per il resto è fattibile in sella. Ringraziamo Federico Monguzzi per averci segnalato e fornito la variante il 23.07.2014 di seguito disponibile per il download.

Downloads ad oggi traccia principale:  848

23 risposte a Traversata bassa della Grigna meridionale

  1. Paolo dice:

    Per chi ama lo sport in MTB e la natura questo e’ il percorso ideale. immersi nel verde con panorami stupendi e la Grigna che ti osserva dalla sua imponente vetta. con l’aiuto di un gps e’ una passeggiata ma direi che, tranne un paio di indicazioni dove ti dice avanti ma poi ti trovi il torrente e un bivio che ti porta ad un ristorante, per il resto anche con un semplice traccia su smart fone geolocalizzato, si può tranquillamente affrontare. Io ho fatto dei tratti a spinta sia in salita che in discesa, ma forse sono troppo prudente(ma in montagna la prudenza non guasta mai) buon giro a chi vorra’ cimentarsi e come me che alla fine avra’ gia ‘ la voglia di rifarlo. Ciao Paolo

  2. cb70 dice:

    Ciao,

    fatto oggi, con variante discesa diretta dal punto gps:1115 della traccia. Confermo che è tutto fattibile con solo 3-4 punti a spinta. Nessun problema particolare, in discesa trovi radici e qualche tondino nei gradoni che richiedono una certa attenzione e capacità tecnica di gestire il mezzo.

  3. pinozo dice:

    16-4-2016
    fatto oggi il percorso. un po’ insidioso per la scivolosità delle radici e dei tratti coperti da fogliame dato l’umidità probabilmente dovuta a pioggia notturna. quando si inizia il single track dopo l’alpe Muscera, il primo pezzo di discesa è un po sconnesso e richiede maggior attenzione. per il resto a parte 2 0 3 passaggini da fare a spinta, con po’ di attenzione e una mtb full fatto tutto in sella. sicuramente il percorso ben asciutto è più godibile…
    al Pioverna io sono salito a sinistra facendo a spinta il pezzo in salita nel bosco poi di nuovo in sella fino all’alpe Cova.
    il resto del giro varia completamente perché ho proseguito fino a S.Calimero
    dopo aver letto alcuni commenti vorrei ricordare che si tratta comunque di un percorso cicloalpinistico e non un semplice percorso fuoristrada.
    Ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *