Oberaarsee

Breve descrizione itinerario

Fantastico panorama su Oberaarsee e OberaargletscherUn grandioso itinerario a cavallo tra l’Obergoms – nel Cantone del Vallese – e l’Oberland Bernese, nel Canton Berna. Partendo a fianco del Rodano, si risale il versante sud-orientale del Sidelhorn per raggiungere il Grimselpass e da qui ci si tuffa nel magnifico scenario alpino del Oberaarsee e del Triebtenseewli, al cospetto di imponenti 4.000 e dei loro perenni ghiacciai. Ma andiamo con ordine…
Partenza in Obergesteln, abitato dell’alta regione del Goms (Obergoms), nelle vicinanze dell piccola stazione ferroviaria dove è presente comoda area di libero parcheggio e dove transita la ciclabile del Rodano. Tendendosi il torrente alla propria sinistra, si imbocca quasi subito una bella strada sterrata che attraversa l’ampio pianoro prativo che caratterizza l’Obergoms ed affiancando nella prima parte il locale campo da golf conduce con tranquillità e facilità ad Oberwald (1.370) dopo circa 3 km. La traccia, dopo un brevissimo tratto in asfalto in Oberwald, prosegue costeggiando ancora il Rodano attraversandolo nei pressi di un successivo ponte che permette di imboccare una strada a fondo chiuso che termina nei pressi di alcuni caseggiati presumibilmente utilizzati per il taglio di legname, in prossimità dei quali si entra nel bosco seguendo le indicazioni di sentiero presenti a più riprese. Tale sentiero si sviluppa sostanzialmente in falsopiano all’interno di un bel bosco e solo nella parte finale devia in decisa salita – con alcuni brevissimi passaggi a mano – per incrociare (1.410) la strada asfaltata del Furka. Ora con pendenze assolutamente abbordabili si percorre la trafficata via per circa 2,3 km sino all’Hotel Rhonequelle dove nei pressi dell’attiguo tornante si stacca sulla sinistra una bella forestale (indicazioni MTB “Gämschfax”), non particolarmente impegnativa per fondo (perfetto) e pendenza e che diviene decisamente panoramica man mano che prende quota con scorci addirittura sul massiccio del Mischabel e sul Weisshorn e con posizione di privilegiata vista sul sottostante fondovalle. Pedalando senza la minima difficoltà si giunge a quota 2.100 nei pressi di un bivio con palina segnaletica: qui occorre abbandonare le indicazioni per Gämschfax (le si seguiranno al ritorno – in discesa – quando vi si ritornerà) e proseguire in salita per il Grimselpass; la traccia pur mantenendosi ampia, diviene a fondo più impegnativo per la presenza di tracce d’erba e termina nei pressi di un alpeggio (Nassbode – 2.160). Da qui prosegue una traccia di sentiero, di fatto interamente pedalabile (rari punti di interruzione pedalata a seguito pietre/decisa salita) che conduce in saliscendi (quota massima 2.210) nei pressi del Totesee, relativamente piccolo ma scenografico lago alpino posto nei pressi del Grimselpass. Il sentiero costeggia la sinistra del lago con qualche breve passaggio difficoltoso per via dell’attraversamento di alcune pietraie ed incrocia l’asfalto in corrispondenza del Passo (2.165), con vista sul sottostante Grimselsee. Questa strada (Panoramastrasse Oberaar) deve ora essere seguita in salita seguendo le molteplici indicazioni di sentiero presenti: percorso altamente scenografico e maestoso; man mano che si procede infatti, spuntano gli imponenti 4.000 dell’Oberland (Fiescherhorn, Lauteraarhorn, Finsteraarhorn) ed in primo piano domina la scena l’Unteraargletscher che termina nel sottostante Grimselsee (quest’ultimo ci accompagna sotto di noi per gran parte di questo tratto di salita). Dopo poco più di 3 km a quota 2.300 si abbandona l’asfalto deviando a sinistra su strada sterrata (presente sbarra per il traffico auto) che sale con pendenze a tratti decisamente impegnative costeggiando il lago alpino Triebtenseewli e terminando la sua corsa presso l’alpeggio di Baregg (2.440); di fronte a noi un panorama fantastico: l’Oberaarsee visto dall’alto con l’Oberaargletscher, l’Oberaarrothhorn e l’Oberaarhorn a definirne la testa e, non da ultimo, la parte più estrema della vetta del Finsteraarhorn. Ovviamente la meta di giornata costituisce anche il punto ottimale per riprendere le forze dopo il lungo sforzo compiuto (di fatto 17 km di salita escludendo il falsopiano iniziale alla partenza): ora inizia la via del ritorno seguendo il sentiero che prosegue dalla sterrata che ci ha portato a Baregg. La traccia lascia inizialmente ben sperare in termini di ciclabilità nei primi metri di discesa, poi però diviene troppo esposta e sopratutto troppo a gradini per pensare di affrontarla in sicurezza per cui con un breve tratto a mano di 5 minuti si guadagna la sottostante strada asfaltata proveniente dall’Oberaarsee e la si segue in discesa superando il bivio per il Triebtenseewli, ricalcando da qui in poi pertanto la traccia dell’andata. Il percorso di rientro si accomuna a quello di andata sino alla sopracitata palina segnaletica posta a quota 2.100 superato Nassbode : da qui in poi seguiranno dapprima le indicazioni MTB per Gämschfax lungo una bella e facile traccia di sentiero fino a quota 2.050 ed in seguito le indicazioni MTB per Obergesteln su semplice forestale che conduce alle porte del paese in circa 20 minuti di assoluto relax e ampi panorami
nazione: Svizzera
zona: Obergoms
provincia: Canton Vallese/Canton Berna – CH
da: Obergesteln
a: Obergesteln
vista: Oberaargletscher, Oberaarrothhorn (3.477), Oberaarhorn (3.629), Finsteraarhorn (4.274), Unteraargletscher, Lauteraarhorn (4.042), Fiescherhorn (4.025), Gärstenhörner (3.184), Tieralplistock (3.383), Diechterhoren (3.389), Galenstock (3.586), valle del Rodano, Ghiacciaio del Rodano, Totesee, Grimselsee, Räterichsbodensee, Oberaarsee, Triebtenseewli

ALTIMETRIA QUOTE E DISTANZA

dislivello totale salita: mt 1.280
quota massima: mt 2.440
quota minima: mt 1.350 (Obergesteln)
km totali: 36,7

SENSO DI MARCIA

girare in senso antiorario

TEMPO DI PEDALATA

di puro movimento 4 ore e 20 minuti

SINTESI VALUTAZIONI

panorami: 10/10
difficoltà salita: 6/10
difficoltà discesa: 5/10 (escluso tratto a mano da Baregg)
impegno fisico: 7/10

NOTE GENERALI (ES. NON PEDALABILITA’, DIFFICOLTA’ PARTICOLARI, NOTE VARIE, ECC.)

pendenze: massima salita 17%, massima discesa 13,7%
tratto a mano: 25 minuti complessivamente circa. La stima è determinata innanzitutto da una decina di minuti percorrendo il sentiero in direzione del Totesee per via di alcuni passaggi a mano legati al fondo con pietre o passaggi troppo sconnessi per essere ciclabili; altri 10 minuti vanno messi in conto sullo stesso sentiero quando viene percorso in senso inverso verso Nassbode. Infine 5 minuti sono da mettere in preventivo per intercettare la strada dell’Oberaarsee proveniendo dal sentiero di Baregg: troppo pericoloso e difficoltoso tentarne la percorrenza in sella
salita: fino a quota 2.100 difficoltà pressochè nulle (a parte una decina di metri su sentiero per intercettare la strada del Furka) con pendenze nell’ordine del 10%, poi la salita diviene più impegnativa per fondo sino a Nassbode (pendenze 8-10%). Da qui al Grimselpass si affronta un tratto relativamente complicato causa sentiero di montagna a tratti scomposto o con presenza di pietre da superare; infine la salita al Triebtenseewli e quindi a Baregg ha difficoltà tecniche nulle ma pendenze su sterrato che toccano il 17% in un paio di punti prima e dopo il Triebtenseewli
discesa: escludendo il sopracitato tratto a mano scendendo da Baregg, i restanti passaggi su sentiero fino a Nassbode sono piuttosto facili ed ancor più semplici sono quelli che si affrontano sino ad intercettare la sterrata per Obergesteln. Da qui in poi infine le difficoltà sono nulle.
% sterrato: 73%
ricordarsi: portare carta di identità per attraversamento territorio della Confederazione Elvetica
note: //


Downloads ad oggi traccia: 16

Oberaarsee PendenzeOberaarsee Altimetrie

Una risposta a Oberaarsee

  1. Morgan dice:

    Come al solito ci avete presentato un bellissimo giro. Grazie amici miei
    Morgan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *